Articoli scientifici · Atletica · Lancio del Martello

Hammerobics. Un’ alternativa per l’allenamento del lancio del martello?

Koji Murofushi, martellista di livello mondiale dei primi anni 2000, ora professore e direttore di scienze sportive al “National Univerity Corporation Tokyo Medical and Dental University, ha pubblicato un suo studio scientifico al Strenght and Conditioning Journal, giornale del National Strength and Conditioning Association con la collaborazione di Donald Babbitt presidente dell’associazione track and field coach dell’università di Georgia e Ken Ohita, ricercatore all’università di sistemi, informazioni teconolgiche e nanotecnlogiche; dal titolo: Supplemental Exercises for Core Stability Which Utilize the Concept of Parametric Oscillation in the Hammer Throw .

In questo studio Murofushi spiega cosa succede durante i giri, ossia le divere velocità della maniglia del martello e della testa del martello che fanno ottenere un punto alto(di fronte alla zona di lancio) e un punto basso(spalle dalla zona di lancio) causata dalla forza utilizzata dal martellista rivolta alla maniglia facendo si che si azioni nella testa del martello un leggero ritardo e di conseguenza danno origine ai diversi punti di altezze durante i giri. Il punto basso fa sì che il metodo di accelerazione ottimale sia oscillazione parametrica, che è visto in movimenti oscillanti basati sul doppio effetto pendolo. La forza di azione provocata dal doppio pendolo può rendere difficile per il martellista di raggiungere un movimento asincrono verticale tra la testa del martello e il centro di gravità del lancio necessario per accelerare l’attrezzo.

Saper controllare questa differenza di velocità porterà a saper accelerare l’attrezzo e di conseguenza ottenere un lancio efficace inoltre questa skill consente al martellista un salto di qualità, e per far ciò Murofushi propone degli esercizi da aggiungere nei programmi di allenamento nei quali prefiggono il controllo di questa azione. Questi esercizi vengono da lui chiamati esercizi Hammerobics.

Sono esercizi da inserire in modo complementare negli allenamenti di forza come l’uso di esercizi di sollevate olimpiche, le quali ripetuto i loro movimenti per tutto l’arco della stagione in modo rindondante possono aumentare le possibilità di infortunio.
Murofushi propone esercizi come: Squat, Stacco da terra, OAR (per atleti esperti, Muroushi mette come utilizzo di questo esercizio solo chi è riuscito a lanciare oltre i 60m), Good morning, calf raises, tutti con l’aggiunta di 2 martelli messi alle estremità del bianciere, i quali vengono fatti ciondolare in movimenti sincroni e asincroni,durante l’esercizio l’atleta deve riuscire l’eseguire l’esercizio in se con la difficoltà in più di far continuare il movimento a pendolo ai martelli. Facendo ciò, l’atleta ripropone il momento in cui il martello si ritrova nel punto alto e nel punto più basso durante i giri e utilizza la parte inferiore del corpo per poter stabilizzarsi.

 

L’utilizzo dell’ hammerobics in un calf raises (sollevamento dei talloni)
L’uso dell’hammerobics in un back squat

 

 

Ora tornando a noi,gli esercizi rispetto al loro nome centrano poco con l’aerobico, bensì sono esercizi di forza speciale, poichè utilizzano i movimenti pendolari dei martelli su un bianciere come richiamo al movimento che l’atleta si ritrova nel punto alto e nel punto basso di un lancio, inoltre l’esecuzione di un esercizio come può essere lo stacco da terra o lo squat è considerato un esercizio di forza.
Il coach della nazionale svizzera Bingisser nel suo articolo : “An Introduction to Hammerobics” davanti a l’uso di questi esercizi anzi vede un modo alternativo di pensare alla forza come l’uso di alti carichi, bensì esercizi che vanno a mirare sul ritmo, postura e tempo.
Il grosso problema di questo studio riferisce Bingisser, é che non ci sono evidenze sugli effetti di questi esercizi, ossia non è stato provato da nessuno, se no da Murofushi stesso nelle sua attività di atleta, ma questo non può bastare alla ricerca scentifica,ne servono diversi dati.

Chissà se da ora qualcuno proverà questi esercizi anche per curiosità degli effetti che possono produrre.

 

 

Fonti:
http://journals.lww.com/nsca-scj/Fulltext/2017/08000/Supplemental_Exercises_for_Core_Stability_Which.8.aspx  (studio del team di Murofushi)

http://www.hmmrmedia.com/2017/08/an-introduction-to-hammerobics/  (articolo riguardo il commento di Bingisser nello studio di Murofushi)

Fonti immagini:
http://journals.lww.com/nsca-scj/Fulltext/2017/08000/Supplemental_Exercises_for_Core_Stability_Which.8.aspx  (studio del team di Murofushi)

http://www.gettyimages.fi/pictures/koji-murofushi-240169#bronze-medalist-koji-murofushi-of-japan-poses-on-the-podium-during-picture-id149911143

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...