Atletica · Getto del Peso · Tecnica

Tecnico del getto del peso 3: La Tecnica rotatoria

La tecnica rotatoria:
Il grande vantaggio della tecnica rotatoria è il superiore sviluppo della quantità di moto e della sua applicazione di forza oltre ad ottenere grandi distanze.
Molti lanciatori di bassa statura hanno ottenuti grandi successi utilizzando questa tecnica, tuttavia anche lanciatori di alta statura riescono ad utilizzare.
Allenatori e lanciatori novizi usano sia la tecnica O’Brein sia la rotatoria per vedere appunto quale delle due tecniche e più congeniale per l’atleta.
La partenza
In ogni tipo di lancio la partenza è individuale, anche la rotatoria non è esente da questo. Tuttavia ci sono molti aspetti comuni che nella partenza fa sì che si effettui un lancio qualitativamente tecnico.
Per i lanciatori principianti un caricamento nella partenza può causare problemi di stabilità e consistenza, perciò una partenza statica può essere raccomandata per loro.

Partenza da fermo
L’atleta deve andare in posizione di leggera accosciata con i piedi alla stessa distanza delle spalle. Il peso del corpo viene distribuito equamente o leggermente verso il piede perno.
Partenza

Il peso sollevato da sopra la testa con il polso dell’arto lanciante rivolto verso l’alto e il peso appoggiato sulle dita della mano, viene posto al collo, molti lo posizionano vicino l’orecchio, altri invece più vicino il mento (come molti lanciatori in traslocazione).
L’arto libero e raddrizzato e tenuto verso il fuori della linea del corpo dell’atleta.
L’inclinazione del busto è variabile e dipende dall’ esperienza , per i principianti l’inclinazione è piccola. Con la crescita di esperienze del lanciatore, si potrà ottenere una maggiore accosciata e un maggior inclinazione del busto.

Il giro
Il giro dovrebbe effettuarsi con la parte superiore del corpo leggermente ruotato verso l’arto che mantiene il peso e con un leggero caricamento del corpo dell’atleta negli arti inferiori.
Il giro viene effettuato con i piedi poggiati completamente a terra o leggermente sulle punte.
Durante lo sviluppo della tecnica rotatoria, si utilizza un giro molto simile a quello del lancio del disco, per poi pian piano distaccarsi da quella tecnica con la sua evoluzione nel 1970.
oggi è molto comune vedere usufruire questa tecnica con caricamento molto leggero o nullo.

Rotazione da dietro

Di spalle della zona di lancio il lanciatore ha il peso nella gamba che fa da perno, poi la gamba di spinta viene raccolta. Appena la gamba di spinta viene raccolta, il lanciatore affonda sulla gamba che fa da perno.
Mike Turk nel suo articolo “Creazione di un modello tecnico per lancio del peso”, afferma “Non appena il lanciatore si trova nelle ore 3 della pedana, voglio che affonda sulla gamba sinistra e guida la gamba destra avanti sollevando il fianco destro e ginocchio sul lato sinistro verso il centro “.
La parte dominante del corpo cerca di spostarsi rapidamente attraverso il corpo, il ginocchio e il piede conducono la parte inferiore del corpo.
Per i lanciatori avanzati una lunga azione di spostamento del piede di spinta crea una migliore distanza tra la punta del piede di spinta e la punta del piede di puntello durante lo spostamento nella parte frontale del lancio, offrendo un migliore azione rotante.

Il braccio libero deve stare dentro e le spalle tengono in equilibrio il corpo. La gamba che puntello deve stare flesso e basso pronto per spingere verso la zona di lancio.
bukowiecki

Al centro

Il piede di spinta conduce la spinta al centro e una spinta attiva del piede libero aiuta la velocità della parte inferiore del corpo. Il piede destro prende contatto solo quando supera una linea di metà pedana e posiziona al centro del pedana, mentre l’arto sinistro sorvola fino a superare leggermente l’arto destro( quello di spinta).

Le ginocchia sono vicino al centro pedana per aiutare ad accelerare ,creando cosi un miglior momento di torsione quando si è nella posizione di lancio.
Lanciatori con più esperienza inoltre avvolgono il corpo tramite il braccio  libero dall’ attrezzo creando un maggior momento di torsione con le gambe.
Una volta che il piede di spinta si trova in contatto con il terreno deve ruotare esercitando pressione nella pedana ,il peso deve rimanere dietro l’anca del piede di spinta fino a quando non i piedi non si trovano di fronte alla zona di lancio. Appena le gambe si trovano di fronte alla zona di lancio inizia la fase del rilascio dell’attrezzo.
kovac

Il rilascio
Quando la gamba che puntella tocca terra, il pesista è pronto per lanciare. Il lanciatore sposta il peso del corpo dalla parte destra del corpo alla parte sinistra del corpo e il piede destro continua a ruotare, il momento di torsione che si è venuto a creare prima, viene trasformato in un sollevamento in verticale. Il corpo del lanciatore si solleva, la parte sinistra del corpo anche si solleva e il lancio si effettua con un angolazione di 37-42 gradi.
La gamba di spinta rimane a terra contro il fermapiede, con un piede messo in modo parallelo alla zona di lancio, poi si abbassa il centro di gravità per poter avere una maggior stabilità e l’equiibrio dopo il rilascio del peso.
finale

Fonte: http://digitaltrackandfield.com/shot-put-spin-technique-2/
Fonte immagini:fermo immagini preso da->  https://www.youtube.com/watch?v=lRMyyYUbhlM
-> https://www.youtube.com/watch?v=hm8zAukG1DU

Immagine in evidenzia: http://lancisardi.blogspot.it/2008/01/la-tecnica-rotazionale.html

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...